She Groped Me by the Groceries

by dieyoungstaypretty

Coming on August 24
Image credits ↓
In Xconfessions we are thrilled to feature images from new pioneers of sexual imagery. We are not the owners of all images on this site, and owners are credited where they could be found. If you are an artist who would like to credit their work, or is interested in featuring your work on the XCONFESSIONS site, please email photo@xconfessions.com. If you are the owner or model of this photo, and would like it removed from the site, please also email the above address.

Director: Lidia Ravviso
Performers: coming soon ...
coming soon ...
 

Non faccio mai la spesa con le cuffie. Quella volta pensai che isolarmi mi avrebbe evitato inutili distrazioni.
Ero vicino ai latticini quando la notai; cercava di attirare la mia attenzione gesticolando all’altezza del mio sguardo, e quando liberai le orecchie dagli auricolari mi chiese se parlavo inglese. La aiutai a trovare le uova e a pesare le verdure, e ricevuto il suo ringraziamento in breve tempo completai la mia spesa.
Quando arrivai in cassa lei era ancora in coda, 3 o 4 clienti più avanti; annoiata dalla lunga fila, a un certo punto si voltò e mi riconobbe, sfoderando un sorriso raggiante. Dopo aver pagato, uscii dal supermercato e mi diressi verso il parcheggio. Appena svoltato l’angolo mi sentii afferrare per le braccia e trascinare in uno stanzino buio; c’erano scope in un angolo e scaffalature d’acciaio colme di detergenti. La porta si richiuse alle mie spalle e mi accorsi che era lei. Mi mise le mani al collo e iniziammo a baciarci. Pochi secondi dopo si staccò guardandomi con espressione maliziosa; continuò a tenere gli occhi piantati nei miei mentre si inginocchiava e mi slacciava la cintura. Leccò per qualche secondo l’asta eretta prima di prenderlo in bocca; le misi la mano tra i capelli per accompagnare i movimenti della sua testa mentre pompava. Dopo un paio di minuti si alzò in piedi, si sfilò le mutandine e appoggiò le mani contro il muro, dandomi le spalle. Mi ordinò di metterglielo nel culo e venirle dentro; sollevai il vestito e affondai le dita nella figa fradicia, strofinando poi il suo buchino per lubrificarlo. La penetrai lentamente assaporando i suoi gemiti soffocati e i muscoli che si irrigidivano. Affondavo deciso mordicchiandole il collo e soffiandole nell’orecchio; dopo qualche colpo la inondai di seme caldo.
Restammo immobili l’uno dentro l’altra appena il tempo che i nostri battiti si calmassero; lei si liberò, mi diede un ultimo bacio e in un attimo era fuori. Aveva lasciato le mutandine umide a terra. Le raccolsi e, dopo averle annusate, le misi nella busta insieme al resto della spesa.

Read in English

 
Your Comments ↓

One response to “She Groped Me by the Groceries”

Leave a Reply